Crea sito

Kant entra in una gelateria. Commesso:<<Buongiorno, cosa le servo?>>. Kant:<<Un cono due gusti, crema e cioccolato>>. Poi riflette:<<Ma mi piacerebbe vivere in un mondo in cui ognuno prende un gelato crema e cioccolato? No, perchè altrimenti finirebbe subito e non ce ne sarebbe più per il giorno dopo!!!>>. Allora si congeda dal gelataio sconsolato e se ne va senza prendere nulla

Anselmo entra in gelateria. Commesso: "Buongiorno, desidera?". Anselmo: "Voglio il gelato perfetto!". Gelataio: "Ma come?! Non esiste il gelato perfetto!!!". Anselmo: "Che blasfemia è mai questa? Ce l'ha presente com'è fatto un gelato perfetto, no?". Commesso: "Beh, più o meno...". Anselmo: "Orbene, se al gelato perfetto che ha nell'intelletto mancasse l'esistenza, esso non sarebbe più perfetto, giusto? Quindi deve esistere, eretico!!!". E se ne va infuriato.

Aristotele entra in gelateria. Commesso: "Buongiorno, desidera?". Aristotele: "Quanto le devo?". Commesso: "Non lo so, non ha ancora ordinato!!!". Aristotele: "Per forza: l'avvenuto pagamento, ossia il gelato in atto, viene prima del mancato pagamento, ossia il gelato in potenza... Come posso sapere cosa voglio prima ancora di averlo pagato???". Ed esce spazientito.

Samuel Beckett entra in gelateria. Commesso: "Buongiorno, desidera?". Beckett: "Domani". Commesso: "A che gusto?". Beckett: "Forse sì". Commesso: "Sono due euro". Beckett: "Sono due euro". Commesso: "Arrivederci!". Beckett: "Non lo so". E se ne va col suo gelato.
Pirandello entra in gelateria. Commesso: "Buongiorno, desidera?".

In gelateria
Ungaretti
Un gelato
Prese

Pirandello: "Un gelato alla crema, grazie". Il commesso gli prepara il gelato ma, nell'avvicinarsi alla cassa, incespica e cade per terra. Pirandello scoppia a ridere, poi inizia a riflettere: "E se fosse caduto a causa dell'ostile conformazione del pavimento di questa gelateria, in cui è costretto a lavorare in condizioni precarie sei giorni su sette quindici ore al giorno? E se invece la sua caduta è sintomo di una disfunzione muscolare che in breve tempo lo porterà alla pressochè totale paralisi? E se per colpa di quel gelato che gli è sfuggito di mano perderà il lavoro oggi stesso?". Così si china ed aiuta il gelataio a rialzarsi.

Autore: Gianluca G.