Crea sito

Soluzione

La frase è tratta da Elizabethtown (2005, Cameron Crowe) ed è pronunciata da Hollie Baylor (Susan Sarandon).

Trama del film

Oregon. Drew Baylor è un giovane ed affermato designer di scarpe. Negli ultimi otto anni ha dedicato anima e corpo al suo lavoro, sacrificando la sua vita privata e i suoi affetti familiari per conseguire il successo lavorativo. Purtroppo per lui, l'ultimo suo progetto (una innovativa scarpa chiamata "Spasmotica") si trasforma da un successo annunciato ad un colossale fiasco, capace di portare la sua azienda sull'orlo del fallimento. In poco tempo Drew viene licenziato, il suo capo Phil – per evitargli conseguenze peggiori – lo costringe a rilasciare un'intervista in cui si assume tutte le responsabilità dell'insuccesso della scarpa, e la sua ragazza Ellen sembra non interessarsi più a lui.
Tutto questo per Drew – fino ad allora abituato a vivere una vita di successo, agiata e senza problemi – è un colpo durissimo ed umiliante, capace di far vacillare tutte le sue certezze, tanto da fargli credere che il suicidio sia l'unica via d'uscita. Durante il suo buffo tentativo di mettere in atto la cosa, viene interrotto da una telefonata di sua sorella Heather: in lacrime, la ragazza gli racconta che il loro padre Mitch, mentre si trovava ad Elizabethtown, sua città natale, per passare un po' di tempo con la sua famiglia, è improvvisamente morto per un infarto. Con la sorella in uno stato molto fragile e la madre Hollie che ancora non sembra aver elaborato la cosa, Drew si mette in viaggio verso Elizabethtown per recuperare la salma del padre, pur continuando ad avere propositi suicidi in testa.
Sull'aereo che lo sta portando in Kentucky Drew conosce Claire, una bizzarra assistente di volo fin troppo simpatica ed espansiva, che durante il viaggio, grazie alla sua vitalità, riesce comunque a distoglierlo un po' dai pensieri sul suo brutto periodo.